Contattaci : +39 06 4817459 lun 9-13; mer 14-18; ven 9-13 | info[@]fidapa.org
Fidapa SOCIAL MEDIA    Twitter    Linkedin

FIDAPA Donne e Progresso - Open Day 2020 vincitrici concorso

8 Maggio 2020 - 9 Maggio 2020 (aggiornamento) 

Care Amiche Presidenti, Care Socie, 

VINCITRICI E MENZIONI SPECIALI

l’OPEN DAY FIDAPA quest’anno è stato condizionato dall’epidemia di coronavirus, ma grazie a Voi siamo riuscite lo stesso a sensibilizzare l’opinione pubblica sull'importanza della nostra associazione e sulla sua mission utizzando i canali social.

Desidero complimentarmi e ringraziarvi per aver partecipato con entusiasmo al Concorso di idee “FIDAPA DONNE E PROGRESSO, Insieme oltre ogni forma di discriminazione”. Sono arrivati 48 video dai sette Distretti, tutti meritevoli di apprezzamento per l’impegno, la creatività e lo spirito associativo profusi nella loro realizzazione. In essi traspare l’originalità dell’espressione artistica e letteraria, capolavori di estetica che offrono spunti di riflessione. La bellezza oggi non è solo raffigurazione della natura, ma linguaggio comunicativo che deve essere compreso da chi osserva. Credo che tutte voi siate riuscite nell'intento che la manifestazione si proponeva e ve ne rendo merito. Tuttavia, come previsto nel bando, la Commissione ha dovuto scegliere solo tre filmati, dopo una difficile selezione; date le opere meritorie, non ha potuto fare a meno di conferire anche due menzioni speciali e concedere la pergamena di riconoscimento a tutte le Sezioni partecipanti.

Il video primo classificato è già presente, oggi 8 maggio – data dell’OPEN DAY FIDAPA – sul nostro sito istituzionale, su YOUTUBE, sulle pagine social della nostra Federazione. Le Presidenti dei Distretti e delle Sezioni sono invitate ad inserire il predetto video nei propri siti e/o pagine social.
Dal 9 maggio saranno pubblicati, con le stesse modalità, i video 2° e 3° classificato. Abbiamo anche il piacere di pubblicare 

1^ Classificata : FIDAPA Sez. Monza e Brianza - Link video versione italiana - Link video versione Inglese 

2^ Classificata : FIDAPA Sez. Salemi - Link video 

3^ Classificata : FIDAPA Sez. Roma - Link video

4^ menzione speciale : FIDAPA Sez. Palma di Montechiaro - Link video 

5^ menzione speciale :  FIDAPA Sez. Sant'Andrea Di Conza - Link video 

Con orgoglio la nostra Accademia FIDAPA continua a proporsi come aggregazione di donne che lottano per la parità di genere e le sperequazioni economiche e sociali del nostro tempo attraverso, nel caso specifico, l'arte e la cultura, ed occupando anche nuovi spazi comunicativi della tecnologia digitale per sopperire alla precarietà sanitaria che stiamo vivendo. Abbiamo acceso i riflettori sulla nostra associazione. La luce riflessa quanto prima si riverserà su di noi.

Maria Concetta Oliveri

Presidente Nazionale

FIDAPA BPW ITALY

FIDAPA lavoro autonomo ed impresa

Comunicato stampa 
Fidapa lavoro autonomo e impresa

LA PREOCCUPAZIONE DELLE SOCIE PROFESSIONISTE E IMPRENDITRICI

PROPOSTE FIDAPA BPW ITALY AL PREMIER CONTE E ALLA MINISTRA BONETTI

LA FIDAPA BPW ITALY, in quanto Associazione femminile che riunisce oltre 11000 socie in tutta Italia, molte delle quali libere professioniste e imprenditrici, in questo momento di gravissima ed inaspettata crisi economica in cui, mai come adesso, il futuro è incerto e fonte di grande preoccupazione per tutte le lavoratrici autonome, vuole farsi portavoce della necessità di prendere provvedimenti economici urgenti a loro tutela.

Abbiamo predisposto un documento, facendoci portavoce delle richieste pervenute dalle socie, che invieremo al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed alla Ministra con la delega alle Pari Opportunità, Elena Bonetti. Le nostre proposte, per quanto compatibili, potranno applicarsi anche alle altre donne lavoratrici italiane. Si tratta di provvedimenti necessari per rispondere alle richieste pervenuteci dalle nostre socie iscritte in Associazioni di Categoria e Ordini Professionali. Nel dettaglio:

  1. chiediamo il rinvio almeno al 30 settembre 2020 dei pagamenti e degli adempimenti fiscali. Consideriamo non sufficiente il previsto rinvio al 30 maggio, in un’unica soluzione entro il 30 giugno, anche se rateizzabili al massimo in cinque rate mensili, in quanto il provvedimento non aiuterà le imprese;
  2. per la corresponsione degli aiuti di Stato chiediamo una vera semplificazione per velocizzare i pagamenti degli ammortizzatori sociali, con particolare riferimento alla cassa integrazione;
    1. l’incremento dello stanziamento previsto dal Decreto Cura Italia (D.L. 18/2020) del Fondo per i professionisti che hanno diritto al sussidio di 600/800 euro legato al calo di fatturato, finanziato attraverso le proprie casse previdenziali di categoria, che risulta inadeguato e da estendersi anche ai titolari di pensione che esercitano l’attività professionale; agevolandone l’accesso rispetto a quanto previsto ora per tutte le categorie dei lavoratori autonomi;
    2. eliminare la proroga prevista al 31 dicembre 2022 per gli Uffici Fiscali dei termini di accertamento con scadenza al 31 dicembre 2020, prevedendo un nuovo provvedimento normativo che contempli un condono totale o almeno un condono con costi differenziati come già quello attuato per gli anni 2003 – 2004;
    3. semplificare la burocrazia nelle richieste in merito alla valutazione del profilo economico e finanziario dell’azienda, così come occorre velocizzare la corresponsione dei prestiti bancari garantiti dallo Stato.

Chiediamo che queste misure vengano varate quanto prima e rese immediatamente applicabili. Se non si agisce in modo tempestivo rischiamo di andare incontro ad un periodo di crollo dei fatturati delle aziende e degli studi professionali, con la conseguenza di un costante impoverimento. L’attuale situazione economica è l’occasione per le Istituzioni di dimostrare che sanno come rispondere alle esigenze effettive del mondo imprenditoriale e delle partite IVA. Ognuna di noi si aspetta questo da uno Stato forte, che vuole rappresentare e tutelare tutte le figure professionali ed artigianali che caratterizzano principalmente il tessuto economico e sociale del Paese, incentivando anche lo sviluppo e la crescita di nuove professionalità. Il nostro innato ottimismo di italiani ci porta a credere che da parte del Governo verrà attuata ogni azione necessaria a scongiurare una recessione di tutto “il Sistema Italia”.

Maria Concetta Oliveri

Presidente Nazionale
          FIDAPA BPW ITALY

 

 

MESSAGGIO DI PASQUA 2020 della Presidente Nazionale FIDAPA BPW ITALY Maria Concetta Oliveri

 

Care Presidenti di Sezione, Care Socie,

Vi scrivo per sentirmi vicina a tutte voi e per sentirvi tutte vicine a me onde spezzare la monotonia del momento e mitigare la solitudine che ci attanaglia. Eravamo abituate ai ritmi frenetici del quotidiano che ci costringevano ad agire all'insegna dell'hic et nunc ̶ qui ed ora ̶ in un spasmodica tensione continua, senza la pazienza di aspettare di finire un'opera per iniziarne un'altra. Credo che abbiamo motivo di lamentarci del nostro tempo sospeso, della nostra giornata segmentata nella quale reiteriamo le stesse attività, ma sono dell'avviso che non dovremmo rimpiangere quel modo di agire febbrile in cui non c'era il tempo per far seguire al pensiero l'azione. Questa triste esperienza deve farci riflettere sul dissennata equazione volere=potere e sempre all'insegna dell'hic et nunc . Sull'insensato rapporto del volere e potere, sospinto dalla fredda ragione, l'uomo moderno ha raggiunto il “disincantamento” dal mondo, bruciando antichi valori e si è convinto che nessuna potenza reale o misteriosa poteva fermarlo. Sì, care amiche abbiamo osato sfidare Dio e la natura ed oggi ci arriva il monito che ci ricorda che siamo esseri fragili e finiti. E tutti nello stesso tempo ne siamo stati consapevoli e da quel preciso istante abbiamo provato un comune sentimento: l'angoscia esistenziale. Ma cosa sarebbe la vita dell'uomo se provassimo, come in questi tragici giorni, continuamente l'angoscia dell'ignoto, dell'annientamento del sé? E qui si inserisce la nostra Pasqua cristiana che mai, come quest'anno è stata rivalutata nel suo significato essenziale. Parlare ai nostri giorni di festa sembra un non senso e una mancanza di rispetto verso chi rischia la vita quotidianamente per salvare la nostra, verso chi è fustigato dalla sofferenza fisica e psichica e, peggio, verso chi ha perso la vita. Tra l'altro non riusciamo a costruire l'atmosfera festosa in quanto le famiglie sono frantumate con i cari lontani, preclusi dal contagio, o dirottati negli ospedali, o persi irrimediabilmente. Ma è al significato religioso e simbolico della Pasqua verso cui, fiduciose, concentriamo tutti la nostra attenzione. Pasqua deriva dall'ebraico e il suo significato è liberazione . Per la cristianità indica la salvezza tramite il sacrificio di Cristo e poi la sua Resurrezione. La Resurrezione, la rinascita vuole dire per noi la sconfitta di quella morte che dell'esistenza umana costituisce la certezza assoluta, e quindi anche la liberazione dell'angoscia di morte. Noi oggi abbiamo tanto bisogno di scrollarci di dosso la trepidazione, l'ansia e la paura.

Della celebrazione religiosa pasquale vorrei ricordare la liturgia del fuoco, cioè l'accensione e la benedizione del fuoco che rappresenta la luce del Cristo. Quella luce abbagliante fu ben nota ai custodi del sepolcro ed anche a noi nelle raffigurazioni pittoriche e nella nostra immaginazione. Oggi, di quella luce cerchiamo con affanno e con speranza un lieve bagliore nell'oscurità del tunnel in cui vaghiamo senza rotta. Per questo auspico questa Pasqua, quale passaggio di quel tunnel, quale luce che illumini il nostro cammino, quale speranza per i nostri destini. La Pasqua, nella sua accezione simbolica è anche rinnovamento, rigenerazione. Che da questa, passato il pericolo che incombe su di noi, possa nascere una nuova umanità che sappia usare con giudizio critico la ragione, che riconosca i propri limiti, ma anche le proprie virtù, che privilegi l'umiltà all'arroganza, la solidarietà alla discordia, l'amicizia all'odio. Vi invito ad attenervi alle parole del cardinale Ravasi: la Resurrezione può riprodursi (ogni giorno) attraverso un gesto di affetto, una parola di vicinanza, un gesto partecipe. E' quanto di più abbiamo bisogno al tempo d'oggi per aiutarci l'un con l'altro a sconfiggere la paura. 2 La Pasqua è anche il simbolo di pace. Si, pace, un termine magico che evoca sorellanza, concordia di intenti, assenza di dolore fisico e morale, di calma diffusa e riposante. La pace interiore è la maggiore conquista dell'uomo ̶è come vivere il paradiso in terra. Il significato semantico di pace interiore è condiviso con il termine serenità. Nel frangente di disagio spirituale non so se sia il caso di augurarvi Buona Pasqua, ma lo faccio lo stesso senza alcun riferimento al materialismo della festa, ma con particolare riguardo alla serenità che la Pasqua esprime. Che la serenità cada a pioggia nei vostri animi, e in quelli dei vostri familiari, e vi alberghi. Siate serene e fiduciose per l'oggi e per il domani. Serena Pasqua a tutte voi care Presidenti, care Socie e ai vostri familiari, anche a nome del CPN e del CN.

Un abbraccio affettuoso

Maria Concetta Oliveri

Presidente Nazionale

FIDAPA BPW ITALY

Newsletter Marzo 2020

Carissime Presidenti e Carissime Socie,

In questo momento altamente drammatico per la storia dell'uomo, che vede il nostro Paese tra i più colpiti dalla prima pandemia del mondo globalizzato, desidero farvi sentire la mia vicinanza e, di rimando, desidero sentire la vostra vicinanza. Stringiamoci allora tutte in un abbraccio virtuale e sosteniamoci a vicenda; utilizziamo i mezzi che la moderna tecnologia ci mette a disposizione, per vincere la solitudine fisica - forzata dalle disposizioni governative -  ma anche spirituale e, soprattutto, per fugare l'incertezza e la paura del domani.

Gli scienziati ci dicono che abbiamo scarsi mezzi al momento per combattere il terribile COVID 19 se non l'istinto di sopravvivenza, il coraggio e la razionalità. Ma per trovare e dispiegare il coraggio dobbiamo stare unite, oggi più che mai. Noi donne, nelle nostre rivendicazioni, siamo state sempre esempio pratico dell'unione che fa la forza. 

La prudenza e la forza della ragione devono essere gli altri moniti da fare circolare tra di noi e veicolare all'esterno della nostra associazione. Perciò vi raccomando di attenervi strettamente alle disposizioni della Protezione Civile e a quelle ministeriali per mantenere il virus lontano da noi, e per evitare che si diffonda e coinvolga un più alto numero di persone. Osserviamo scrupolosamente il consiglio ministeriale “Io resto a casa” come un comandamento teologico.                              

Non è il momento di protagonismi e di iniziative univoche - specie se esulano le nostre competenze-  che possono risultare inefficaci e magari generare incomprensioni e polemiche. Nell'immane lotta che tutta la nazione sta conducendo, ma anche nel consueto agire per la nostra missione, ciascuno di noi della Fidapa, può esporre un'idea all'interno del gruppo di appartenenza, nel rispetto dei ruoli, da sottoporre all'approvazione degli altri per valutarne la validità. Come già ribadito la concordia e la solidarietà devono essere il collante per costringerci in un corpo solo. In una fase storica in cui prevale l'ego smisurato, la triste evenienza ci ha ridimensionati alla nostra comune entità: siamo esseri estremamente intelligenti, ma fragili e caduchi, pronti a cadere, come fuscelli, al primo soffio di vento. Non potendo  ovviare alla nostra finitezza, usiamo allora la ragione, nel rispetto delle regole, per aiutare gli altri e  gli organi preposti a vegliare su di noi; utilizziamo la stessa, in questa circostanza, per capire che dobbiamo riconoscerci uno uguale all'altro senza sgomitare troppo e tentare di sopraffarci, perchè provenienti da un'unica matrice e fatti della stessa polvere di stelle e, come tali, torniamo a rispettare la natura che abbiamo oltraggiato e che, oggi, ci si rivolta contro. E non dimentichiamoci che al di sopra di noi, della natura tutta, del conosciuto e dell'inconosciuto esiste un qualche cosa, una potenza infinita , che dal nulla ha creato e sincronizzato l'universo,“il motore primo di tutte le cose”  ̶  come diceva S.Tommaso  ̶  “che tutto move”.

 

Il mio pensiero, il mio grazie -  e quello di tutto il CPN, del quale mi rendo portavoce, va a quelle socie che vivono in estrema solitudine, a quelle -  spero poche -  che, direttamente o indirettamente, hanno subito danni dal contagio, a tutte coloro che hanno familiari lontani, costretti a vivere nelle zone rosse, e, soprattutto, ai luoghi della sofferenza, dove i malati sono strappati agli affetti più cari e dove medici, infermieri ed ausiliari sanitari sacrificano la vita per prendersi cura di noi. Tra questi      tante Fidapine.  Un riferimento particolare, pieno di cordoglio, ai tanti che hanno perso la vita, specialmente senza il conforto dei propri familiari. Includo nei miei pensieri le tante altre categorie di lavoratori e lavoratrici che stanno in prima linea per garantire la nostra sussistenza e per evitare la diffusione del contagio, mettendo a repentaglio, ogni giorno, la loro vita. Un ringraziamento alle istituzioni politiche e sanitarie che gestiscono questo difficile e pericoloso frangente della nostra esistenza.

Da più parti della BPW Fidapa Italy arrivano sollecitazioni perchè l'organo nazionale si attivi per una raccolta fondi da destinare alla Protezione civile e/o ad enti preposti regionali e locali. Dibattuta tra il rispetto dello Statuto e il sentimento di umanità, ho dovuto precisare che, essendo la FIDAPA un movimento di opinione e non un Club Service, non possiamo come istituzione nazionale, per natura giuridica e codice di attività, provvedere ad elargizioni. Già tale problema era stato sollevato nel biennio scorso ed era stata data la stessa risposta.

Tuttavia non si può soffocare la generosità umana, la sensibilità verso chi soffre; perciò proponiamo la libera iniziativa alle sezioni, le quali peraltro sono conoscitrici dei bisogni del proprio territorio.

Il 2020 doveva essere l'anno della rinascita delle donne ed invece verrà ricordato come l'anno del COVID 19. Si doveva celebrare il 25° anniversario del Congresso di Pechino e dare un notevole risalto all'  8 marzo, quale momento di riflessione generale sulle donne, sul riconoscimento della loro centralità nel lavoro, nella famiglia e nella società.  Invece tutte le nostre attività, espressione di un nutrito programma, sono state bloccate. Tra esse la trattazione del Tema nazionale e del Tema internazionale. Rimandato il Convegno e l'Assemblea   Nazionale previsti per il 24-25 aprile p.v. ad Agrigento - tappa obbligatoria delle manifestazioni dell'anno sociale in corso -  dopo centinaia di adesioni da ogni parte d'Italia e dopo una minuziosa preparazione già portata a termine. Doveva essere un momento di aggregazione e di confronto su temi spinosi delle donne. Rimandato il  CSW 63 che si doveva tenere a NewYork, il 3 °Forum BPW Adrionett Pula,10° anniversary conference BPW Europe  a Malta. Sospese le Assemblee Nazionali, Distrettuali e di Sezione e le Candle 's Night, le manifestazioni più importanti della nostra Associazione che registrano la massima unità e l'affermazione del credo associativo. Tutto questo, a  me che sono la vostra guida ,procura un senso di impotenza, sia per la mancata operosità che per la mancata presenza nelle vostre Sezioni, ma, nel contempo,  accresce la mia responsabilità. A parte la nostra sensibilità, ci siamo adeguati ai provvedimenti delle Istituzioni governative, che oltre ad indurci all'isolamento fisico, hanno congelato tutte le attività della nazione. E' giusto che sia così se dobbiamo mettere a tacere i sentimenti e fare parlare la ragione.                                                                                                       

 Ma la Fidapa c'è e vuole continuare ad esserci. In un momento in cui siamo sospesi in un eterno presente, obbligati a ripetere in giornate interminabili le stesse azioni e gli stessi gesti, non dobbiamo farci sopraffare dall'inanizione; occorre uscire da questa lentissima fluttuazione passiva per smuovere il presente e preparare il domani.

L'ACCADEMIA  FIDAPA rimane ricca di risorse umane e di progettualità.

Le nostre azioni del momento:

1)    Trattazione del tema nazionale.  Progetto di Letizia De Luca, Vice-presidente della sezione di Roma, la quale sta mettendo in onda gli argomenti da trattare, tramite la piattaforma Zoom,  incontri video-audio con le socie, ogni mercoledì,iniziati nel mese di febbraio Sono previsti sei incontri con la partecipazione della Presidente Nazionale, della Vice-Presidente Nazionale, della Presidente e Vice-Presidente del Distretto Centro.

2)    Lettera alla Presidente della C. E. Ursula von der Leyen. Su suggerimento della socia della Sezione Roma,  Lucia Votano si è sottoscritta una lettera  da inviare  alla Presidente della Commissione Europea, nella quale la BPW Fidapa Italy  auspica la formazione di una Task Force Comunitaria che sovraintenda, con una sola regia, alla gestione della pandemia in Europa, provvedimenti più incisivi a sostegno dei mercati finanziari e misure per scongiurare una probabile crisi economica e del mercato del lavoro,  misure di protezione sociale per colmare il gender gap nello scenario di involuzione economica e una nuova governance per “guardare al mondo con occhi di donna” (Conferenza di Pechino 1995).

3)    IorestoacasaSICURA - Campagna di sensibilizzazione contro la violenza dentro le mura domestiche. Avviata dalla Sezione Monza Brianza nell'ambito delle direttive della Task Force Pari opportunità e politiche di genere di cui è Responsabile,Patrizia Pilato. Pare che, da testimonianze ed inchieste, l'effetto weekend, cioè a dire il lasso di tempo in cui il soggetto maltrattante infierisce di più contro il soggetto maltrattato, sia aumentato con la permanenza coatta in casa del nucleo familiare, e delle coppie in particolare.  Chi ha sentore di violenza domestica viene invitato a denunciare il fatto, ai numeri impressi in apposita card, 1522 o 112, ai quali rispondono le forze dell'ordine. Tali inviti e card sono postate nel sito F.B. della Fidapa della sezione di Monza Brianza. Data la valenza dell'iniziativa, sarà pubblicato l'appello anche sul sito nazionale.

4)    Ciao cara come stai - Iniziativa di solidarietà contro la solitudine del momento, promossa da Caterina Peraino, responsabile della T.F. Politiche Sociali. L'iniziativa è rivolta alle socie single, anziane, malate o in quarantena che non hanno nessuno vicino. Una voce amica può lenire la loro sofferenza e non farle sentire sole.  

Progetti in un futuro prossimo:

1)    La formazione digitale.  Il progetto è stato proposto dalla Responsabile della Task Force Comunicazione  Ida Gasperini,  Si terrà un corso per utilizzo delle tecnologie digitali, coordinato da Bettina Giordani, esperta informatica, della durata di un anno e  il cui  scopo è la formazione delle socie ,che aderiscono  volontariamente all'uso delle tecniche digitali per facilitare la comunicazione e le relazioni in rete.

2)    Formazione del turismo. Progetto proposto dalla socia Angela Donato della sezione di Soverato, del Distretto Sud-Ovest. Si dovrebbe parlare del rilancio del turismo, un settore della nostra economia che sta subendo un tracollo. La responsabile auspica la creazione di una rete tra le socie imprenditrici del settore per apportare idee, suggerimenti e collaborare - ognuno a conoscenza del proprio territorio - nella stesura di un'agenda da consultare, ricca di proposte di itinerari, centri alberghieri, di relax e quant'altro per ridare smalto al nostro Bel Paese.

3)    Formazione digitale per anziani e disabili. Proposto dalla responsabile della T.F. Medicina di genere e Disabità, Luisa Monini. Il progetto prevede nelle RSA, nelle case di accoglienza per  anziani  la loro formazione  digitale e la creazione di Internet corner, punti di incontro sociale, culturale e ricreativo.     

4)    Adesione al terzo settore.  Essendo un soggetto giuridico sottoposto a norme ben precise, chiederemo il parere e il contributo di esperti prima di procedere e poi la sottoporremo alla vostra approvazione.

5)    Bando di due borse di studio nel campo biomedico. In meno di 20 anni abbiamo avuto quattro epidemie - SARS, Suina, Mers, Ebola -  che non sono state di monito per gli uomini. Altre sicuramente ce ne saranno nei prossimi anni con una più alta frequenza, se l'uomo non cambia le abitudini di deturpare il territorio per una crescita indefinita del PIL. Riteniamo (e non siamo le sole) che dal disboscamento, incendi, eliminazione di biodiversità emergano nicchie naturali dove albergano virus sconosciuti con i quali non saremmo mai venuti a contatto. Pertanto vogliamo affidare nelle mani di esperti epidemiologi, microbiologi, infettivologi, genetisti, biologi molecolari ed altri esperti di biomedicina, studi sull'origine di queste gravi epidemie, sul come prevenirle, e sul come affrontarle, senza farci trovare impreparati come oggi. Lo faremo con due borse di studio da consegnare ai due più meritevoli. La proposta personale sarà posta all'attenzione del CPN e del CN  per tracciarne le modalità di applicazione.

Carissime Presidenti e carissime socie, forse quanto stiamo facendo e quanto vorremmo fare è ben poca cosa per smuovere l 'immobilismo nel quale ci troviamo. Nel momento opportuno la nostra proverbiale prassi riesploderà non più compressa dalla circostanza, perchè noi abbiamo un ricco background ed un variegato progetto per uno scopo ben definito. Per ora in questa terra desolata stiamo buttando solo pochi semi di empatia; speriamo di raccogliere sorrisi, strette di mano e abbracci, tanti, quando finalmente ci ritroveremo e saremo di nuovo a stretto contatto di gomito e ci terremo per mano a fare girotondi intorno al mondo. Tutti sogniamo quel momento di pazza gioia, impegnate in frenetiche danze e canti come tanti Baccanti. Certo è una visione ottimistica che prevede un intermezzo forse non tanto allegro, la fase post-emergenza. La sciagura presente non consente di presagire un futuro dai contorni netti. Non potendo partecipare alle cerimonie delle candele, accendiamo nei nostri cuori la candela della speranza per fugare l'ansia continua e abbiamo fede, fede intesa come fiducia negli organi competenti e fede intesa come accettazione di una realtà invisibile, la fede dei nostri padri, dei nostri nonni, che era pure nostra, ma che una modernità che adora idoli materiali, ci ha fatto relegare nei recessi più profondi della nostra memoria, l'unico strumento valido, ancora oggi, per esaudire desideri altrimenti irrealizzabili.

Vi abbraccio

                                                                                               Maria Concetta Oliveri

                                                                                     Presidente Nazionale BPW Italy

He for She at home - la FIDAPA BPW Italy aderisce

LA FIDAPA BPW ITALY ADERISCE ALLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE #HeForSheAtHome.

HeForSheAtHome 

Su proposta di Luisa Monini, Responsabile Nazionale della Task Force Medicina di genere e disabilità e della Task Force Salute e Benessere della BPW INTERNATIONAL, in linea con la programmazione di questo biennio e con la Task Force Pari opportunità e Politiche di genere, Responsabile Nazionale Patrizia Pilato, la FIDAPA BPW ITALY aderisce alla campagna lanciata dalla UN WOMEN #HeForSheAtHome.

“Come conseguenza della pandemia globale COVID-19, milioni di persone si trovano ora al chiuso. Le disuguaglianze di genere, in particolare delle donne in casa, stanno diventando sempre più evidenti quando si tratta di lavori domestici, pulizia e cura di bambini, malati o anziani.

Nel rispondere all'epidemia, le donne rappresentano il 70% dei lavoratori nel settore sanitario e sociale e svolgono un lavoro assistenziale non retribuito tre volte più elevato rispetto agli uomini. Le donne sono in testa in tutto il mondo come soccorritori di prima linea, operatori sanitari, scienziati, medici e altro ancora. La campagna #HeForSheAtHome ha lo scopo di evidenziare questo onere ingiusto per le donne e incoraggiare gli uomini a fare la loro parte.
Nel fornire strumenti e suggerimenti utili, la campagna #HeForSheAtHome cerca di ispirare gli uomini a contribuire a bilanciare il peso delle loro famiglie. Che si tratti di imparare a usare quel nuovo aspirapolvere o del gioco a cui giochi quando lavi i piatti, vogliamo ascoltare le tue storie. Nel condividere queste storie di modelli di ruolo maschili positivi provenienti da tutto il mondo, speriamo di ispirare molti altri a fare la loro giusta parte”.

Si chiede alle Presidenti e alle socie di sostenere la campagna #FIDAPABPWITALYHeForSheAtHome, di divulgarla sui propri canali digitali e di inviare le storie di modelli di ruolo maschili positivi agli indirizzi e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., avendo cura di porre l’hashtag #FIDAPABPWITALYHeForSheAtHome.

La nostra Federazione considera fondamentale intraprendere un costruttivo dialogo con gli uomini, che porti a diffondere insieme la cultura del rispetto delle differenze di genere, per fermare ogni forma di violenza.


Maria Concetta Oliveri
Presidente Nazionale
FIDAPA BPW ITALY

#iorestoacasaSICURA

Care Presidenti, Care Socie,

Desidero ringraziarVi per gli auguri pervenutimi di Buona Pasqua che ricambio con affetto. Siamo in un momento di grande difficoltà sul piano della salute e dell’economia. E’ anche un momento di riflessione che ognuna di noi vive nell’intima atmosfera della propria casa. E’ su questo aspetto che desidero soffermarmi. Quando le mura di casa non sono un porto sicuro per tutte le donne e le violenze domestiche si acutizzano proprio nel rispetto dell’ordinanza che impone spostamenti limitati e solo per importanti necessità.

Per questo è importante la campagna nazionale FIDAPA, promossa dalla Responsabile Nazionale della Task Force Pari opportunità e politiche di genere Patrizia Pilato, su proposta della Sezione di Monza-Brianza. Chiedo alle Presidenti e alle socie di appoggiare la campagna Fidapa Nazionale #iorestoacasaSICURA divulgando i messaggi sui propri canali digitali. 

Di seguito trovate alcuni dettagli sulla programmazione e, in allegato, i materiali digitali (CARD colorate) e i testi che potete associare alle 4 CARD.

I MESSAGGI:

Ci rivolgiamo a tutti, donne e uomini. Alle Istituzioni. Ai vicini di casa. A chi sente ma non vuole “sentire”; a chi vede ma non vuole “vedere”, perché le donne chiuse in casa con il compagno maltrattante, non riescono più nemmeno a fare una telefonata, ma tu, vicino di casa, puoi. Per queste donne la loro casa non è un porto sicuro ma è il luogo della violenza. Non lasciamo che abusi di lei. Fermatelo, fermiamolo…lei non puo’. Perché la casa SICURA diventi un diritto fondamentale di tutti #iorestoacasaSICURA. Ora è tempo di uscire allo scoperto. CHIAMA TU! LEI, NON PUO’

MATERIALE DIGITALE E PROGRAMMAZIONE:

La campagna si sviluppa in 4 settimane. Una volta alla settimana i Distretti e/o le Sezioni, sui propri canali digitali, formulano dei post contenenti la CARD colorata e un messaggio testuale. Mettiamo una delle 4 CARD colorate, con i messaggi, che trovate in allegato. Le CARD riportano tutte il messaggio principale della Campagna unito ai numeri di Telefono a disposizione per segnalare la violenza. Il POST così formulato è intervallato con articoli dedicati al tema pubblicati su testate nazionali e internazionali.

Sono certa che questo messaggio aiuterà nella nostra battaglia alla sensibilizzazione sulla non violenza, affinchè sia tutelato il diritto di tutti/tutte a restare a casa SICURI/E.

Vi Auguro di trascorrere una Pasqua Serena e in Salute

Maria Concetta Oliveri

Presidente Nazionale 

F.I.D.A.P.A. BPW ITALY

 

 

    

 

 

 

Si fa presto a lanciare l’hashtag #iorestoacasa

Quello che stanno passando mogli, compagne e conviventi che si trovano a dover affrontare quello che in gergo tecnico si è soliti definire “effetto weekend”, che si verifica ogni volta in cui il soggetto maltrattante ha più tempo per infierire sul proprio partner. 

Uno scenario apocalittico, non solo fuori, ma anche dentro. Lunghe prove di resistenza, fisica e mentale, che finiscono con il consegnare le donne nelle mani del proprio aguzzino. 

Una richiesta innocua, quella del restare a casa, che si trasforma in una prigione per chi proprio da quella abitazione vorrebbero fuggire.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si fa presto a lanciare l’hashtag #iorestoacasa

Flash-mob dai balconi, concertoni e tutti fitness addicted. Ma cosa succede se le proprie mura domestiche non solo il luogo sicuro in cui stare?  

Possiamo sicuramente associare il Covid-19 alla violenza di genere. Anch’essa è epidemica, globale e letale. È un morbo culturale capace di infettare luoghi, menti e corpi. 

Avete idea di che cosa significhi condividere 24 ore su 24 gli spazi familiari con il proprio maltrattante? Come si vive riducendo drasticamente i contatti con l’esterno e restando soli con sé stessi?

Ci rivolgiamo a tutti, donne e uomini. Ai vicini di casa. Non lasciate che la abusi. Fermatelo, fermiamolo…lei non puo’.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si fa presto a lanciare l’hashtag #iorestoacasa

In Cina, che per prima è stata colpita dal dramma Covid-19, nel febbraio 2020 le denunce di violenza domestica sono state stimate nel triplo rispetto a quelle dello stesso mese del 2019.

L’ultimo report della Polizia di Stato, mostra un quadro devastante: 95 donne uccise, una ogni quattro giorni. L’85 % dei femminicidi è avvenuto proprio tra le mura domestiche per mano di mariti, compagni o ex fidanzati. 

Queste statistiche dovrebbero far riflettere. Che cosa succederà in queste settimane di emergenza virus? E quali saranno le conseguenze nel lungo periodo?

Aiutiamo queste donne. Ci rivolgiamo a chi sente ma non vuole vedere. Non permettiamo che facciano loro del male! #iorestoacasaSICURA.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Si fa presto a lanciare l’hashtag #iorestoacasa

Le denunce sono in calo, sintomo dell'isolamento forzato. Ma tu che vedi, tu che puoi, tu che lo senti mentre la picchia e la maltratta, puoi fermarlo!

Le donne, chiuse in casa con il compagno maltrattante, non riescono più nemmeno a fare una telefonata, ma tu puoi.

#iorestoacasaSICURA

 

Sottocategorie

FIDAPA BPW Italy

La FIDAPA BPW Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) è un’associazione composta, in Italia  da circa 11.000 Socie  ed appartiene  alla Federazione Internazionale IFBPW (International Federation of Business and Professional Women) 

Contattaci

info (@) fidapa.org
  +39 06 4817459
lun 9-13; mer 14-18; ven 9-13
  +39 06 4817385
 Via Piemonte 32, 00187 Roma

Ultime Notizie

17
Set2020

XXXVIII Convegno ed Assemblea Nazionale-...

Scarica qui l'invito e la locandina dell'evento: - INVITO XXXVIII Convegno ed Assemblea Nazionale (images/luglio2020/InvitoConvegnoFidapa.pdf)

25
Ago2020

90 anni Fidapa BPW Italy

26 agosto 1930 - 26 agosto oggi Tante le...

07
Ago2020

Programma per l'Assemblea e il...

Di seguito il programma per l'Assemblea ed il Convegno Nazionale che si terranno ad Agrigento dal 25...

30
Lug2020

#LAFIDAPA BPW ITALY CONTRO LA...

Carissime socie, in questi mesi di distanziamento sociale a causa del COVID-19 la violenza tra le...

13
Lug2020

L’istanza della FIDAPA-BPW Italy alla...

L’istanza della FIDAPA-BPW Italy, indirizzata alla Presidente Ursula von der Leyen, a favore dell’attivazione della Protezione Civile...

09
Giu2020

Concorso letterario : Donne tra...

La FIDAPA BPW Italy aderisce alla 5^ edizione del Concorso letterario Donne tra Ricordi e Futuro....

09
Giu2020

Riprendiamo le iniziative a testimonianza...

RIPRENDIAMO LE INIZIATIVE A TESTIMONIANZA DEL NOSTRO IMPEGNO A FAVORE DELLE DONNE. Dopo questi lunghi mesi di...

03
Giu2020

3 Giugno 2020 - Ripartiamo...

Carissime Presidenti e Socie, Oggi riprendiamo le attività dopo la fase acuta della pandemia in Italia, con i...

08
Mag2020

FIDAPA Donne e Progresso -...

8 Maggio 2020 - 9 Maggio 2020 (aggiornamento) Care Amiche Presidenti, Care Socie, l’OPEN DAY FIDAPA quest’anno...

02
Mag2020

ATTIVITA' FIDAPA BPW ITALY Lettera...

Dear International President Amany Asfour, Dear BPW Europe coordinator Pinella Bombaci, This moment will be...

23
Apr2020

FIDAPA lavoro autonomo ed impresa...

Comunicato stampa LA PREOCCUPAZIONE DELLE SOCIE PROFESSIONISTE E IMPRENDITRICI PROPOSTE FIDAPA BPW ITALY AL PREMIER CONTE E ALLA...

16
Apr2020

He for She at home...

LA FIDAPA BPW ITALY ADERISCE ALLA CAMPAGNA INTERNAZIONALE #HeForSheAtHome. Su proposta di Luisa Monini, Responsabile Nazionale della...

15
Apr2020

Concorso d'idee - Donne e...

BANDO DI CONCORSO DI IDEE RISERVATO ALLE SOCIE FIDAPA BPW ITALY - scadenza 1^ maggio 2020 FIDAPA:...

10
Apr2020

#iorestoacasaSICURA

Care Presidenti, Care Socie, Desidero ringraziarVi per gli auguri pervenutimi di Buona Pasqua che ricambio con affetto. Siamo...

10
Apr2020

MESSAGGIO DI PASQUA 2020 della...

Care Presidenti di Sezione, Care Socie, Vi scrivo per sentirmi vicina a tutte voi e per sentirvi...

01
Apr2020

Linee guida Task Force 2019-2020

LINEE GUIDA BIENNIO 2019/2021 TASK FORCE NAZIONALE COMUNICAZIONE E RELAZIONI CON I MASS MEDIA Premessa Questa Task Force, che la...

01
Apr2020

Newsletter Marzo 2020

Carissime Presidenti e Carissime Socie, In questo momento altamente drammatico per la storia dell'uomo, che vede il nostro...

01
Apr2020

Telefona ad un'amica che vive...

Carissime Socie, Spesso vorrei avere la possibilità di parlare delle difficoltà di questo momento con ciascuna di voi,...

«
»