Contattaci : +39 06 4817459 lun 9-13; mer 14-18; ven 9-13 | info[@]fidapa.org
Fidapa SOCIAL MEDIA    Twitter    Linkedin

Fidapa Pordenone - Un mosaico per le donne del contonificio

Il giorno 21 Aprile 2016 in piazza don Lozer di Torre a Pordenone , alla presenza delle più alte autorità cittadine e con la benedizione di mons. Giosuè Tosoni, si è svolta la toccante cerimonia della posa del mosaico in ricordo delle donne operaie dei cotonifici pordenonesi che dai primi decenni dell’800 fin quasi agli anni ’80 hanno dato un importante contributo allo sviluppo della nostra città.

La presidente Fidapa Giovanna Santin, ha ricordato come questo progetto sia partito da lontano con la pubblicazione di un libro da parte della Fidapa, dedicato alle donne protagoniste del nostro territorio e proseguito nel maggio dello scorso anno con l’assegnazione del premio “Vittoria Alata”, durante il biennio di presidenza di Raffaella Zannoni.

 

Quotiamo per intero il discorso della Past Presidente Raffaella Zannoni  : 

Sono stata Presidente della FIDAPA fino alla fine dell’estate scorsa e tra tutti i progetti portati avanti in quel periodo questo è sicuramente quello che mi ha dato più soddisfazione. Ringrazio la presidente Giovanna Santin per avermi invitato a presenziare il felice epilogo di questo progetto. E’ stato un lavoro di squadra e quando le donne lavorano assieme vincono!  

Sono onorata di essere qui oggi per questo evento che è stato possibile organizzare grazie al generoso contributo e collaborazione di varie istituzioni associazioni fortemente radicate nel territorio. In un momento così difficile per la nostra realtà sociale ed economica la vostra numerosa presenza sta a dimostrare che la storia delle nostre genti, e se mi permettete delle nostre donne, sono ancora un collante che aggrega. 

Rileggere il nostro passato, riscoprire la forza delle genti e delle donne che hanno fatto prospera e vitale questa nostra bella città è come ricercare la nostra vera identità, è un modo per rigenerare le nostre energie e guardare al futuro con più ottimismo. 

Vorrei ringraziare il nostro sindaco Claudio Pedrotti sempre presente e disponibile per averci sostenuto nelle nostre iniziative e oggi anche per aver messo a disposizione questo spazio. 

Un particolare ringraziamento va a Friuladria che ha creduto e sostenuto questo progetto con un generoso contributo.  

Da anni la Fidapa ha tra i suoi obiettivi il compito di far conoscere il valore sociale del lavoro femminile attraverso la presentazione di figure simbolo di donne lavoratrici, che hanno contribuito con il lavoro a gettare le basi per l’emancipazione femminile. 

 L’anno scorso a differenza delle edizioni passate del nostro Premio Vittoria Alata, dove abbiamo premiato singole donne, è stata nostra intenzione premiare simbolicamente le migliaia di donne lavoratrici dei Cotonifici Pordenonesi che dal 1840 e fino agli anni '80 hanno dato un grandissimo contributo sociale ed economico allo sviluppo della nostra città. Donne che rappresentano un importante pezzo di storia cittadina che non può e non deve essere dimenticato. 

Già alcuni anni fa ci sono state idee e proposte da parte di alcune nostre socie, per realizzare una statua in onore di queste donne. Noi come FIDAPA ci siamo prefisse di realizzare questo comune desiderio e finalmente lo stiamo portando a compimento con il grande contributo nostra instancabile vice presidente Romanina Santin che, dopo un lungo lavoro ha portato alla realizzazione di questo progetto.   

In collaborazione con la scuola di mosaico di Spilimbergo abbiamo fatto realizzare una opera che oggi finalmente viene posata in questa piazza. Vorrei porgere un grazie di cuore al suo Presidente Alido Gerussi per la sua disponibilità. Un grazie particolare anche ai ragazzi Alberto ROMA, Tamara CAFFO e alla stessa ideatrice Angelica Di MARZIO    che con il loro ingegno hanno saputo interpretare il vero spirito delle donne dei cotonifici pordenonesi

La storia ci viene raccontata con le gesta di statisti e condottieri, ricordiamo le date delle guerre, delle invenzioni e dimentichiamo che dietro a tutto ciò ci sono tante donne e tanti uomini che non solo hanno reso possibile questi eventi ma ne sono spesso i veri protagonisti. Il più delle volte sono le gesta e le azioni delle persone “comuni” che hanno fatto la storia ma purtroppo non sono finite nei testi scolastici restando in ombra e finendo per essere totalmente ignorate. Questo è anche il caso delle lavoratrici dei cotonifici Pordenonesi,  Amman -Veneziano - Olcese.  

Nella parlata comune le sue operaie dicevano “ lavoro in stabilimento a Rorai o a Torre o a Borgomeduna ed era chiaro a tutti a cosa si riferivano. Anche mia madre diceva sempre: “quando lavoravo in stabilimento …” e noi sapevamo che parlava del Cotonificio Veneziano  

In quei tempi ci fu un profondo cambiamento generato da una nuova realtà industriale legata alla manifattura. Pordenone veniva definita, con un certo orgoglio, la “piccola Manchester italiana”. Era sorta una fiorente attività manifatturiera e commerciale. 

 Lo stesso sviluppo urbanistico della città ne è la testimonianza. Il territorio subì una radicale trasformazione proprio per far posto a moderne infrastrutture, come ad esempio l’elettrificazione cittadina, che nacquero proprio da tecnologie sperimentate in primis nei nostri cotonifici.  

Oltre ad un cambiamento industriale ci fu anche, e soprattutto, un mutamento sociale che si espresse con importanti lotte sindacali e una forte opposizione al fascismo.  

Una forza lavoro di quasi 12000 persone, dedicarono la loro quasi totale esperienza lavorativa a questo sviluppo senza riuscire ad ottenere adeguati riconoscimenti. 

La schiacciante maggioranza di queste maestranze erano donne quasi sempre relegate a ruoli subordinati. 

Noi oggi le vogliamo ricordare soprattutto per la loro abnegazione, la loro resistenza e la loro capacità di accollarsi il doppio carico della famiglia e dello “stabilimento”, come si chiamava allora, a cui la nostra città deve il proprio sviluppo e la propria prosperità.  

Arrivavano dai borghi limitrofi, dalla periferia cittadina ma anche dalle lontane campagne si muovevano a piedi, in bicicletta, in estate, in inverno, calzando zoccoli, ciabatte, scalze, magari con un bimbo in grembo, con l’angoscia dei mariti al fronte, oppure con la preoccupazione dei mariti disoccupati…… 

Il nostro futuro sarà più giusto se sapremo onorare e assimilare il nostro passato. L’opera che noi oggi andremo a scoprire non solo abbellirà questa piazza ma cercherà di legare al territorio in maniera tangibile il ricordo delle donne dei cotonifici pordenonesi. Grazie! " 
Maria Raffaella Zannoni - Past presidente sezione di Pordenone

Articolo dedicato all'evento del quotidiano locale : http://www.pordenoneoggi.it/pordenone/fidapa-offre-alla-citta-un-mosaico-per-donne-cotonificio/ 

                     

FIDAPA BPW Italy

La FIDAPA BPW Italy (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) è un’associazione composta, in Italia  da circa 11.000 Socie  ed appartiene  alla Federazione Internazionale IFBPW (International Federation of Business and Professional Women) 

Contattaci

info (@) fidapa.org
  +39 06 4817459
lun 9-13; mer 14-18; ven 9-13
  +39 06 4817385
 Via Piemonte 32, 00187 Roma

Ultime Notizie

01
Apr2020

Newsletter Marzo 2020

Carissime Presidenti e Carissime Socie, In questo momento altamente drammatico per la storia dell'uomo, che vede il nostro...

23
Mar2020

Comunicazioni Covid-19

Articoli dedicati all'emergenza legata al Covid - 19 a cura dela referente comitato communicazioni - Ida Gasperini ...

06
Mar2020

Proviamo a pensare ad un...

COMUNICATO 8 MARZO - Giornata internazionale della donna Carissime Socie, Proviamo a pensare a un mondo senza donne. Non credo...

06
Mar2020

Comunicato : Sospensione attività fino...

comunicazione a cura della Segretaria Nazionale Concetta Corallo Prot. n. 34 del 05 /03/2020 ...

25
Feb2020

la preoccupazione non deve tradursi...

Carissime Socie, voglio manifestare la mia più sincera solidarietà e affettuosa sorellanza a tutte le Socie ed in...

14
Feb2020

XXXVIII Convegno Nazionale - Assemblea...

a cura della Segretaria Nazionale Cettina Corallo XXXVIII Convegno Nazionale- Assemblea Nazionale Agrigento 24-26 Aprile 2020 ...

14
Feb2020

Ci ricordiamo dell'Amore solo il...

a cura del Team Comunicazione su indicazione della Presidente Nazionale - 14 febbraio 2020 San Valentino Ci ricordiamo...

10
Feb2020

Circolare 2 - biennio 2019-21...

a cura della Segretaria Nazionale Cettina Corallo Circolare 2 - biennio 2019-2021 ...

07
Feb2020

Cerimonia delle candele 2020 -...

Messaggio della Presidente Internazionale Amany Asfour e della Presidente Nazionale Maria Concetta Oliveri per la Cerimonia delle...

07
Feb2020

Forum BPW Adrionet Pola Croazia...

Qui di seguito potete scaricare il programma del prossimo Forum BPW Adrionet dal 26 al...

04
Feb2020

UN TEAM DI RICERCATRICI ISOLA...

Articolo a cura del team comunicazione 03/02/2020 La FIDAPA BPW Italy si complimenta con il team di...

27
Gen2020

27 GENNAIO, IL GIORNO DELLA...

a cura della referente comunicazione - Ida Gasperini 27 GENNAIO, IL GIORNO DELLA MEMORIA CONOSCERE PER CAPIRE Conoscere per...

20
Gen2020

AMADEUS E LE DONNE DI...

comunicato stampa a cura della Presidente Nazionale Maria Concetta Oliveri e lettera inviata alla vigilanza Rai COMUNICATO...

20
Dic2019

Auguri natalizi

a cura della Presidente Nazionale Maria Concetta Oliveri AUGURI DI NATALE 2019 Care Presidenti e socie...

12
Dic2019

Marta Cartabia Prima Presidente Corte...

Comunicato Stampa - Maria Concetta Oliveri Presidente Nazionale FIDAPA BPW Italy 2019-2021 La FIDAPA BPW ITALY plaude...

09
Dic2019

La Violenza sulle Donne :...

Intervista di Isabella Inguscio alla Presidente Nazionale Maria Concetta Oliveri su concessione di the freack.it -...

29
Nov2019

La presidente FIDAPA BPW Italy...

comunicato stampa a cura della Presidente Maria Concetta Oliveri 29/11/2019 LA PRESIDENTE FIDAPA BPW ITALY E’ STATA...

18
Nov2019

Diffondiamo la cultura del rispetto...

Comunicazione della Presidente Maria Concetta Oliveri - 18 Novembre 2019 Diffondiamo la cultura del rispetto per fermare...

«
»